nella foto una scena di "qualcuno volò sul nido del cuculo" che rappresentano i matti citati nell'articolo